PRIMO SPETTRO CON SPETTROSCOPIO ALPY 600

Finalmente ci siamo, ho fatto il passo verso la spettroscopia a media risoluzione utilizzando il mio nuovo spettroscopio: l’Alpy600.

La prima cosa che ho fatto è stata quella di preparare lo spettroscopio, montarlo,  collimarlo e metterlo in opera.

Poi, per iniziare, ho scelto una stella facile e immancabile nel repertorio di ogni astrofilo: Sirio.

Classificazione Stella binaria (Stella bianca di sequenza principale + nana bianca)
Classe spettrale A: A1Vm  Sirio B: DA2
Distanza dal Sole 8,6 a.l.
Costellazione Cane Maggiore

 

Di seguito le fasi:

Innanzitutto la calibrazione in lunghezza d’onda, operazione, questa, fondamentale per l’estrazione del profilo.

A questo punto il grafico del profilo finale.

Poi il confronto del profilo con righe di Balmer dell’idrogeno, anche questa è un’operazione necessaria per verificare di essere certi che il nostro lavoro sia ottimale.

Infine l’ultima verifica, forse la più appagante, il confronto con lo spettro di un Osservatorio Professionale. Se tutto combacia (o quasi), allora possiamo dire che il nostro lavoro è confrontabile .

Una caratteristica significativa del nuovo spettroscopio è la risoluzione del reticolo che è di 600 l/mm, ben differente rispetto a quella dell’SA100 che è di sole 100 l/mm. Ed ho ottenuto una dispersione di soli 3,5 Armostrong/pixel.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...